Nell’arco di questo anno e mezzo da freelance mi sono spesso chiesto quale sia il freno che un imprenditore può avere quando si tratta di sborsare 1.000/2.000/10.000 euro per il sito internet della sua azienda.
La crisi? No, io non credo. Il problema credo stia in quel verbo, sborsare; già, perché credo che ancora oggi il sito web sia visto come un costo e non come un investimento.

Perché dovreste credere a tutto ciò? Semplice, non lo dico io, lo dicono i clienti.

Ad esempio Alice, che si occupa di gestire la ditta di famiglia. A lei è bastato un sito web più veloce e qualche piccolo intervento sul codice per migliorare la propria posizione sui motori di ricerca e vedere un incremento del 60% del fatturato in un solo anno.
Oppure Antonella che ha un’azienda leader nel proprio settore ma che con un sito obsoleto non era visibile su Google. Con un nuovo sito ha ottenuto un posto in prima pagina sui motori di ricerca e il primo contatto per una fornitura, dopo soli 15 giorni dalla pubblicazione del nuovo sito.
A questo elenco si aggiungono anche Emilio ed Elisabetta che grazie al loro e-commerce, ad oggi, possono permettersi di mantenere la loro dipendente invece che dover scegliere di farne a meno.

E questi sono solo alcuni esempi ma ce ne sono molti altri in giro per l’Italia e per il mondo. E tu? Vorresti farlo ma non sai come?
Ti spiego alcuni “fondamentali” che devi sapere per far si che il tuo sito sia un investimento e non un costo.

 

velocita_siti

Il mio sito è lento

Se il tuo sito ci mette svariati secondi (se non minuti) a caricarsi, tutti i tuoi utenti fuggiranno. Non c’è peggior sito che uno dai tempi di caricamento biblici; scoraggi i tuoi utenti e anche Google.
Per risolvere i problemi di lentezza del tuoi sito si può:

  • ottimizzare il codice intervenendo e migliorando le interazioni con il database oppure fornendo delle immagini più compresse
  • utilizzare tecnologie asincrone per caricare determinati contenuti solo all’occorrenza
  • aggiornare il proprio hosting con uno più performante

 

design_siti

Gli utenti scappano dal mio sito

Oltre alla velocità è importante l’organizzazione dei contenuti e il design del tuo sito. Immaginatevi di dover leggere un articolo dove il testo è colorato di verde e lo sfondo di rosso: addio diottrie! E’ fondamentale che i colori siano adatti e che si accostino bene al logo (questo incrementerà anche l’immagine del tuo brand).

Altre due cose sono di vitale importanza quando parliamo di realizzazione di un sito web: niente flash e tanto responsive (o mobile).
Non spaventatevi, ora vi spiego:

Flash

Il Flash è una tecnologia che permette animazioni quasi in stile “film” sul nostro sito. Un film? Che bello…e perché allora lo sconsigli?
Non lo sconsiglio io, lo sconsiglia mezzo mondo ma cosa più importante lo sconsiglia Google!
La tecnologia Flash per quanto possa essere bella alla vista risulta pesante e di difficile scansione per i motori di ricerca; questo si traduce in penalizzazione sui motori di ricerca, il ché vuol dire perdere posizioni su Google e quindi anche potenziali clienti.

Responsive e Mobile

Sono due aggettivi che avrete già sentito ma cosa significano?

  • Mobile, tradotto nel web significa che un sito avrà una versione visibile da computer e una visibile da smartphone. Diverse, indipendenti tra loro e spesso anche con contenuti differenti.
  • Responsive vuole dire “adattabile”. Per un sito web significa che gli stessi contenuti si vedranno e saranno consultabili senza sforzo da PC, laptop, TV, tablet, smartphone o qualsiasi altro dispositivo possa andare in rete.

Perché è importante avere una sito mobile o responsive?
Semplice, il mondo di oggi, frenetico e sempre connesso permette di fare acquisti mentre si è sull’autobus oppure di leggere questo articolo mentre si è in bagno (dai su, chi non lo fa?). Tutte queste azioni le fate con il vostro tablet o con lo smartphone (a meno che voi abbiate una postazione PC in bagno…); un sito non mobile o responsive vi porterà ad ingrandire e poi stringere la schermata e poi ad ingrandirla…e poi ad ingrandirla ancora un pò…per poi cambiare pagine e ripetere il tutto: che nervi!

Se vi affidate ad un professionista inoltre, vi saprà spiegare come e perché la musica in un sito NON è da mettere o come una pagina di introduzione è controproducente per il tuo sito.

 

seo_siti

Nessuno visita il mio sito

Se vi affidate ad un improvvisato del settore potreste incappare in questa problematica. Se vi affidate ad un professionista non succederà. Perché?

Perché un professionista sa cosa significa posizionare un sito su un motore di ricerca e permetterà che colui che cercherà “paperette da bagno” su Google vi trovi (se voi producete paperette da bagno è ovvio). Il professionista non vi saprà soltanto portare nuovi visitatori ma saprà anche incentivarli a ritornare o addirittura a creare una conversione.

 

conversione_web

Perchè il mio sito non converte?

La conversione è quell’azione che porta l’utente dal farti trovare su Google al farti contattare perchè interessato ai tuoi servizi/prodotti.
Se il tuo sito “non converte” le problematiche potrebbero essere molte:

  • Potrebbe mancare un modulo di contatti
  • Potrebbe non fornire contenuti adeguati
  • Potrebbe avere una struttura non lineare e troppo complessa da navigare

Per scovare la causa di una mancata conversione basta analizzare i dati e capire quali potrebbero essere le cause

Conclusioni

E’ vero che tiro l’acqua al mio mulino ma chi non lo farebbe? Quindi per fare sì che il tuo sito o il tuo e-commerce sia un investimento e non un costo contatta un professionista: ascoltalo, seguilo e proponigli le tue idee; saprà sicuramente come farle fruttare. Trovate insieme una soluzione anche sul pagamento, magari dilazionandolo o rateizzandolo. Poi potrai anche passare a ringraziarmi grazie a questo modulo (oppure per farti fare il tuo nuovo sito da me…parlando di conversione).

 

Se hai bisogno di un consulente o di un professionista per il tuo nuovo sito web:

I campi marcati con il simbolo * sono obbligatori